Le ricette local: i guati (volgarmente detti ghiozzi)

14 ottobre 2014

IMG_4866

Con l’amico Ivan e le mie piccole figlie vado a pescare al molo della stazione marittima, fra il gioco e la serietà che un’azione del genere può ingenerare in bambine di una certa età.
All’amo prendiamo praticamente solo guati, pesce ben noto nell’immaginario triestino.
Tanto per citare un esempio, davanti a noi vediamo Santa Maria del Guato, la nostra Pescheria, oggi Salone degli Incanti.

Il guato è brutto ed evoca qualifiche non proprio positive. E’ povero, viscido e fa bazilar per la sua pulizia

Ma soprattutto, e questo ci interessa, pare che questo guato-ghiozzo sia particolarmente buono.
E se fosse lui il re del golfo al pari dei sardoni?

Continua la lettura su Bora.la

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×