Le ricette local: i guati (volgarmente detti ghiozzi)

14 ottobre 2014
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

IMG_4866

Con l’amico Ivan e le mie piccole figlie vado a pescare al molo della stazione marittima, fra il gioco e la serietà che un’azione del genere può ingenerare in bambine di una certa età.
All’amo prendiamo praticamente solo guati, pesce ben noto nell’immaginario triestino.
Tanto per citare un esempio, davanti a noi vediamo Santa Maria del Guato, la nostra Pescheria, oggi Salone degli Incanti.

Il guato è brutto ed evoca qualifiche non proprio positive. E’ povero, viscido e fa bazilar per la sua pulizia

Ma soprattutto, e questo ci interessa, pare che questo guato-ghiozzo sia particolarmente buono.
E se fosse lui il re del golfo al pari dei sardoni?

Continua la lettura su Bora.la

Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×