Giorgio Clai, un anno dopo. Il vino e il territorio, un biglietto di sola andata

13 giugno 2014
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

IMG_0972

Eccoci di nuovo. Un anno dopo siamo tornati a trovare Giorgio Clai e le sue “Terre Bianche”.
Il cuore, il sapore, la strada sono un biglietto di sola andata, per cui arrivare è facile, andare difficile, e tornare una necessità.

Il vino è filosofia e territorio, ecco l’Istria di Giorgio Clai.

Ricordiamo chi è Giorgio Clai.

Giorgio, nativo di Buje, ha speso una vita nei locali di Trieste, trattorie, ristoranti e buffet.
La sua famiglia è ancora radicata e presente nella nostra citttà con diverse attività.

All’inizio del secolo, il salto. Il ritorno alla terra, in senso lato. Una necessità, un bisogno.

Mentre parla, fra la casa e la cantina nuova, Giorgio ci mostra l’orizzonte, da un lato la valle del Quieto, che porta al mare, ci giriamo e vicinissima svetta Grisignana, la città degli artisti, più giù si vede Montona ed il suo colle.
Non è difficile sentire la pace e le sirene di un posto così.

Continua la lettura su bora.la

IMG_3399

Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×