Il formadi frant. Non si butta via nulla!

10 dicembre 2013
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

IMG_1827

Non si butta via nulla!

Il formadi frant nasce per necessità. Quella di non sprecare niente. Di recuperare tutto e conservarlo.
Un tempo in Carnia, tutte le forme di formaggio con piccoli difetti venivano recuperate, frantumate e rimescolate con panna di affioramento, latte, sale e pepe. Semplificando, ovviamente, il formaggio ritornava a vivere.
La ricetta variava da famiglia a famiglia, e di volta in volta. Si, perché i formaggi a disposizione per fare il frant cambiavano continuamente, senza possibilità di previsione. Va da sé che il formadi frant, letteralmente frantumato, non era mai lo stesso.

Dalla necessità di un tempo oggi ereditiamo un grande formaggio.

IMG_1805

Oggi il formadi frant è un presidio slowfood, un prodotto “protetto” e che regala grandi soddisfazioni.
Non è un formaggio da pasto. Basta mangiarne un pezzetto, accompagnato con del miele o della marmellata. Un buon bicchiere di vino giusto, io scelgo un passito.
Pochi morsi, una piccola porzione ed il suo gusto dura e si amplifica in bocca, preponderante, ma mai eccessivo, lungo si. Pasta semi morbida, piccante, sapido e dolce al contempo.

Ancora una volta dalla necessità, un grande dono, recuperato e oggi sviluppato.

Venuti a mancare i bisogni di un tempo, le varie aziende che hanno riportato all’attenzione il formadi frant hanno ciascuna il proprio modo di prepararlo.

IMG_1812

Oggi in Carnia sono diverse le aziende che lo producono, fra queste vorrei citare e consigliare il frant della fattoria Gortani, di Santa Maria La Longa. Produzione invernale di pianura ed estiva di montagna, sua la gestione della bella malga Pozof sullo Zoncolan. Da visitare.
Ottimi tutti i formaggi, e magari ne parleremo, ma il sale e pepe del formadi frant colpiscono nel segno.
Da classico formaggio povero si sta trasformando ed evolvendo, ed in commercio si trovano diversi frant aromatizzati.
Alcune versioni molto interessanti le troviamo proprio dai Gortani.

IMG_2429

Il frant al peperoncino, al curry, alle erbe. Sono tutti molto interessanti e mantengono l’impronta caratteristica del frant, con piacevoli digressioni. Ora la mia curiosità va al frant al ciooccolato, disponibile nelle prossime festività natalizie.

Uscite e cercate il FRANT!

IMG_2430

IMG_1808

Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×